Firmato il protocollo d’intesa per il coordinamento delle attività di protezione civile nel versante sud dell’Etna.

Firmato oggi a Nicolosi con DRPC Sicilia e i Comuni di Adrano, Biancavilla, Ragalna, Belpasso, Nicolosi e Zafferana Etnea il protocollo d’intesa Rischio Vulcanico Etna Sud. Presenti i sindaci dei sei comuni e il capo della protezione civile regionale Calogero Foti. D’ora in avanti in caso di eruzione vulcanica i comuni firmatari si coordineranno per la gestione dell’emergenza condividendo, per la prima volta, uomini e mezzi. E’ stato pertanto istituito il CORVES, Centro Operativo Rischio Vulcanico Etna Sud, presso il centro servizi di Nicolosi Nord – Piazzale Rifugio Sapienza, che costituirà il punto di riferimento operativo per le attività di protezione civile.

Ci siamo dati un modo comune di operare semplice e soprattutto immediato. Con questo atto d’intesa eviteremo inoltre  il protrarsi ingiustificato  di ordinanze di interdizione alle quote sommitali. I provvedimenti adottati saranno quindi realmente calibrati al fenomeno in essere e alle esigenze di sicurezza dei fruitori.

Un gran bel momento di sinergia fra enti pubblici. E’ stato in questo modo premiato il lavoro del Dipartimento Regionale di Protezione Civile e dei tecnici comunali che in diversi mesi di lavoro hanno dato la possibilità alla parte politica di recepire, approvare e sottoscrivere un documento che sarà parte integrante dei piani di protezione civile di ogni singolo comune.

Il Sindaco di Nicolosi

Nino Borzì

Scarica il Protocollo CORVES

FOTO GALLERY

whatsapp-image-2016-12-01-at-13-48-20

whatsapp-image-2016-12-01-at-13-48-41

whatsapp-image-2016-12-01-at-13-48-51

whatsapp-image-2016-12-01-at-13-49-09

Foto copertina: Turi Caggegi